.

.

.

.

.

.

.

.

.

Mercati

Eventi

A Tavola

La Cena

Alimenti

Arredo

Bevande

Bibliografia

Chiesa

Cibi

Conservazione

Cucina

Cuochi

Dieta

Galateo

Medicina

Modelli alimentari

Pasti

Ricettari

Spezie

Templari

.

Home

 

"Progetto Mercato Medievale"

Prodotti ed eventi nei territori e nei luoghi medievali.

 

 

Il Mercato

La grande massa di merci che circolava per l'Europa, prima di giungere alle botteghe per la vendita al dettaglio veniva negoziata nei mercati e nelle fiere. Mentre i mercati erano di piccole dimensioni e periodici, le fiere si svolgevano solo due o tre volte l'anno, in date fisse, e rappresentavano il più importante appuntamento per i mercanti che giungevano anche da luoghi molto lontani. Duravano generalmente tre settimane, si svolgevano secondo un rituale fisso: nella prima settimana si scaricavano le merci e si preparavano i banchi; nella seconda settimana si mettevano in mostra i prodotti, fatti dagli artigiani, che potevano essere i più svariati; nella terza si concludevano gli acquisti. Poiché circolavano tutte le monete possibili, intensissima era l'attività di cambisti e banchieri che fissavano il valore delle monete e i tassi d'interesse.

 

 

I mercanti erano ex contadini costretti a lasciare la campagna o dalla miseria o da una carestia. La loro sorte poteva essere diversa: alcuni chiedevano l'elemosina di convento in convento; altri abbandonavano i campi per sempre: facevano gli scaricatori nei porti o si arruolavano nelle scorte armate dei mercanti, o si imbarcavano come marinai. Quando riuscivano a economizzare qualche soldo, acquistavano una piccola quantità di spezie, di sete, di profumi che vendevano di villaggio in villaggio. Il denaro ricavato poteva essere utilizzato per acquistare una bottega in città che, se gli affari andavano bene, veniva a poco a poco ingrandita. I mercanti però avevano un grave problema: quello di trovare più soldi da investire nelle loro imprese.

 

 

Per mettere insieme una consistente somma di denaro il mercante, prima di intraprendere il viaggio, si presentava nel porto accompagnato da un notaio, cercando chi volesse prestargli dei soldi per la sua impresa. Se l'impresa fosse andata male, i soldi non sarebbero stati restituiti, ma se fosse andata bene, chi aveva fatto il prestito avrebbe condiviso i profitti in proporzione ai soldi impegnati nell'impresa. Questo sistema si chiamava "commenda". Ben presto fu perfezionato nel sistema della "compagnia", nella quale più persone investivano la stessa quota, dividendo rischi e guadagni dell'impresa.

 

I NOSTRI MERCATI MEDIEVALI

 

Per rimanere legati al periodo storico medievale sono stati creati tre Mercati: in Campania a Limatola (Benevento) nel castello e nel borgo (periodo da definire); in Umbria a Pascelupo (Scheggia-Pascelupo) nell'area del borgo e nell'area dell'Abbazia di S. Emiliano in Congiuntoli alla fine di agosto; nelle Marche a Pesaro con proposta nell'area della Rocca Costanza (periodo ancora da definire).

 

Organizzazione generale Fiere e Mercati storici

Titolare: Ernesto Paleani

Organizzatori e gestori:

Moroni Vincenzo  (Umbria e Marche,Ancona)

.

Angela D'Agostino (Campania)

Paleani Ernesto e Pazzaglia Pietro (Italia ed Estero)

.

Cucina medievale:

Pietro Pazzaglia (assistenza cucina mercati ed eventi)

Ernesto Paleani (consulenza storica)

..

Prodotti: Terre Templari

Con la partecipazione della Impresa della Cultura "Ernesto Paleani Editore".

 

Mercati

 

 Limatola

 Pascelupo

 Pesaro
.

 fotografie

.

 prodotti

.

 moduli

 regole

 stand

 certificazioni

 

® 2012, Mercato Medievale © 2011,   Ernesto Paleani Editore

Notifica di responsabilità: A tutti gli effetti di legge è proibita la riproduzione, la stampa e la duplicazione totale o parziale del presente sito. In caso contrario l'autore della duplicazione sarà denunciato alla autorità giudiziaria senza l'iter di alcuna procedura di notificazione della responsabilità civile e penale.

 

Home Page | Azienda | Prodotti | Mercatolandia | Contatti

Realizzazione: Ernesto Paleani Editore